Di più - Hemporio Emilia

Di più!

Secondo alcune fonti, sono più di 25.000 i prodotti che è possibile ottenere dalla canapa

Scopri di più

Una risorsa, dieci, cento, mille possibilità per il futuro.

Dalla millenaria tradizione della carta di canapa, importata dalla Cina e diffusasi in tutto il mondo, arrivando a comporre la maggior parte delle stampe fino alla metà del ‘900; passando per le più moderne termoplastiche biodegradabili ottenute dal riciclo della fibra di canapa (ma in realtà già previste negli anni ’30 da Ford per la costruzione di automobili fatte interamente di canapa!); fino alle sue applicazioni nell’edilizia… L’incredibile versatilità di utilizzi di questa pianta ci lascia ancora una volta stupefatti!
Ma non è solo la sua polivalenza ad affascinarci oggi: il suo essere una validissima alternativa ecosostenibile, quando non addirittura un prodotto migliore dei tanti derivati petrolchimici, è ciò che davvero ci sta a cuore.

Illustrando un po’ più a fondo alcuni degli esempi sopraccitati, la lavorazione della canapa per la produzione di carta garantisce un minor disboscamento, grazie alla maggior resa per pianta e soprattutto al ciclo vitale della pianta di canapa, che è di circa 6 mesi, quando gli alberi usati per produrre legno per carta ci mettono anni per crescere; è poi una fibra naturalmente bianca, al contrario della polpa del legno che dev’essere sbiancata con cloro e altre sostanze derivate dal petrolio; infine la carta di canapa dura per secoli senza ingiallire o sbriciolarsi, ed è per questo che ancora oggi possiamo prendere in mano libri antichissimi, ancora intatti.
Discorsi analoghi valgono anche per le altre declinazioni della pianta, e ricordiamo il grande architetto Leon Battista Alberti che nel ‘400 consigliava di unire malta e canapa, per costruire edifici più resistenti, e, noi aggiungiamo, più salutari e green!

A questo punto la domanda che sorge spontanea è “Ma perché una tale manna dal cielo fu messa ed è ancora oggi al bando?”. Noi speriamo che qualche idea ve la siate già fatta, ma qui vogliamo consigliarvi due bei libri, “The Emperor Wears No Clothes” di Jack Herrer, e “Canapa. Una Storia Incredibile” di Matteo Gracis; siamo sicuri che sapranno rispondervi, e magari stimolarvi a tante altre belle domande…